Introduzione

7130G
- Complicazioni
Carica automatica

L’Ora Universale per signora referenza 7130 indica i 24 fusi orari del pianeta in una nuova versione in oro bianco, con centro del quadrante grigio azzurro guilloché a mano. Questa delicata sfumatura, illuminata dalla lucentezza dei diamanti, è ripresa dal disco delle città e dal cinturino in pelle di alligatore blu pavone lucido.


Movimento meccanico a carica automatica. Calibro 240 HU. Ora Universale. Indicazione 24 ore e giorno/notte per i 24 fusi orari. Lunetta incastonata con 62 diamanti (~0,82 ct). Fibbia ad ardiglione incastonata con 27 diamanti (~0,21 carati). Quadrante grigio azzurro, guilloché a mano, indici applicati in oro. Cinturino in alligatore a squame quadrate, cucito a mano, colore blu pavone lucido. Fondo cassa in cristallo di zaffiro. In oro bianco. Impermeabile fino a 30 m. Diametro della cassa: 36 mm. Spessore: 8.83 mm.

Prezzo: 45'000 CHF *

*Prezzo corrente in CHF (IVA inclusa) al cliente finale presso i nostri Saloni Patek Philippe di Ginevra, Svizzera. I concessionari autorizzati sono liberi di fissare i propri prezzi al cliente finale.

Questo orologio è stato aggiunto alla lista dei desideri

Altre versioni

Calibro

240 HU
Carica automatica

240 HU
Carica automatica

Indicazione 24 ore e giorno/notte per i 24 fusi orari. Diametro: 27,5 mm. Spessore: 3,88 mm. Componenti: 239. Ponti: 8. Rubini: 33. Riserva di carica min. 48 ore. Minirotore decentrato in oro 22 carati. Bilanciere: Gyromax®. Frequenza: 21 600 alternanze / ora (3 Hz). Spirale del bilanciere: Spiromax®. Segno distintivo: Sigillo Patek Philippe. Brevetto: CH 595 653. Brevetto: CH 693 191.

Biblioteca

Patek Philippe: La Biografia Autorizzata di Nicholas Foulkes

Interviste esclusive con i proprietari, i dipendenti e gli orologiai di oggi e di ieri, documenti inediti custoditi negli archivi dell'azienda, Patek Philippe: La Biografia Autorizzata celebra la storia di una manifattura unica. Nicholas Foulkes ripercorre la storia di Patek Philippe, partendo dal fondatore Antoine Norbert de Patek, giovane ufficiale di cavalleria che sostiene in Polonia un'insurrezione destinata a fallire. Foulkes ci racconta il suo esilio e la sua vita a Ginevra. Il suo incontro con l'orologiaio di grande talento Adrien Philippe, l'acquisizione dell'azienda nel 1932 da parte della famiglia Stern che, nell'arco di quattro generazioni, ha trasformato la maison nella leggenda che è oggi... (...)

Savoir-faire

Attenzione ai dettagli
Incastonatura

Ogni pietra preziosa destinata a una cassa o a un bracciale, sia essa un diamante, un rubino, uno zaffiro o uno smeraldo, deve essere la migliore nel suo genere e rispettare i rigidi standard imposti dal Sigillo Patek Philippe. La Maison utilizza solo gemme perfette, di gradazioni cromatiche comprese tra D (bianco eccezionale +) e G (bianco extra). La purezza del diamante risponde sempre a un grado di perfezione interna altissimo (IF) e il taglio della pietra dev’essere impeccabile: la precisione del taglio è essenziale anche al fine di assicurare un’incastonatura regolare e stabile. Il compito degli incastonatori è posizionare le gemme a regola d’arte, garantendone la stabilità ed esaltandone al massimo la bellezza. Da Patek Philippe le pietre preziose vengono incastonate alla vecchia maniera: a mano e senza l’impiego di alcun tipo di sostanza adesiva. Nella montatura a castone l’incastonatore posiziona ogni pietra preziosa nella noyure e la fissa ribattendo il bordo metallico circostante (generalmente in oro); nell’incastonatura invisibile la gemma ha un fine solco sulla superficie inferiore che va a incastrarsi sui rilievi del supporto. Le gemme devono risultare tutte alla stessa altezza, puntare nella stessa direzione e garantire una tenuta saldissima. Precisione e rispetto della forma e del carattere sono fondamentali per esaltare la bellezza di ogni pietra e portarla al massimo del suo splendore.

Comunicato stampa

Patek Philippe at Baselworld 2017

Un anno caratterizzato da due anniversari e da un’interessante selezione di novità. Gli importanti momenti nella storia di Patek Philippe, forte di 178 anni di attività ininterrotta, ricorrono negli anni come altrettanti anniversari da celebrare con il lancio di novità. Nel 2017, la manifattura ginevrina presenta un nuovo modello della collezione Aquanaut, che compie vent’anni. Sempre nel 2017, si festeggiano i 40 anni del calibro 240 ultrapiatto a carica automatica e le novità che lo contengono ne esaltano le numerose sfaccettature. Il futuro è già qui con il nuovo calendario perpetuo, intramontabile nel suo stile classico “vintage”, e con l’edizione limitata dell’orologio da viaggio Aquanaut Travel Time, che racchiude i più recenti sviluppi del “Patek Philippe Advanced Research”.

Il nostro sito utilizza i cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e le analisi, come descritto nella nostra "cookie policy", e per offrirti la migliore esperienza di navigazione. Continuando la navigazione senza modificare le impostazioni accetti l'utilizzo dei cookie.

OK