Introduzione

7010R
- Nautilus
Quarzo

Con la forma ottagonale arrotondata della lunetta, l’ingegnosa architettura a oblò della cassa e il quadrante con motivo orizzontale a rilievo, il Nautilus riassume in sé, dal 1976, il concetto dell’orologio sportivo elegante. Quarant’anni dopo, si declina in una splendida collezione di segnatempo da uomo e da donna, in acciaio, oro rosa, oro bianco o in versione bitonale, che accompagnano con classe gli stili di vita più attivi.


Movimento al quarzo. Calibro E23-250 S C. Datario. Secondi al centro. Lunetta incastonata con 46 diamanti (~0.73 ct). Quadrante dorato, indici applicati in oro con rivestimento luminescente. Cinturino in alligatore lucido a squama quadrata, beige. Fermaglio déployant Nautilus. In oro rosa. Impermeabile fino a 60 m. Diametro cassa (da ore 10 a ore 4): 32 mm. Spessore: 6,9 mm.

Prezzo:

Questo orologio è stato aggiunto alla lista dei desideri

Calibro

E23-250 S C
Quarzo

Patek Philippe Calibro E23-250 S C - Fronte
Fronte Retro

E23-250 S C
Quarzo

Data, secondi. Diametro: 23,9 mm. Spessore: 2,5 mm. Componenti: 80. Rubini: 8. Frequenza: 32.768 Hz. Fonte di energia: batteria all’ossido d’argento 1,55 V. Durata di vita della batteria: circa 3 anni.

Savoir-faire

Attenzione ai dettagli
Incastonatura

Ogni pietra preziosa destinata a una cassa o a un bracciale, sia essa un diamante, un rubino, uno zaffiro o uno smeraldo, deve essere la migliore nel suo genere e rispettare i rigidi standard imposti dal Sigillo Patek Philippe. La Maison utilizza solo gemme perfette, di gradazioni cromatiche comprese tra D (bianco eccezionale +) e G (bianco extra). La purezza del diamante risponde sempre a un grado di perfezione interna altissimo (IF) e il taglio della pietra dev’essere impeccabile: la precisione del taglio è essenziale anche al fine di assicurare un’incastonatura regolare e stabile. Il compito degli incastonatori è posizionare le gemme a regola d’arte, garantendone la stabilità ed esaltandone al massimo la bellezza. Da Patek Philippe le pietre preziose vengono incastonate alla vecchia maniera: a mano e senza l’impiego di alcun tipo di sostanza adesiva. Nella montatura a castone l’incastonatore posiziona ogni pietra preziosa nella noyure e la fissa ribattendo il bordo metallico circostante (generalmente in oro); nell’incastonatura invisibile la gemma ha un fine solco sulla superficie inferiore che va a incastrarsi sui rilievi del supporto. Le gemme devono risultare tutte alla stessa altezza, puntare nella stessa direzione e garantire una tenuta saldissima. Precisione e rispetto della forma e del carattere sono fondamentali per esaltare la bellezza di ogni pietra e portarla al massimo del suo splendore.

Il nostro sito utilizza i cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e le analisi, come descritto nella nostra "cookie policy", e per offrirti la migliore esperienza di navigazione. Continuando la navigazione senza modificare le impostazioni accetti l'utilizzo dei cookie.

OK